Miglioramenti della sicurezza

Android migliora continuamente le sue capacità e offerte di sicurezza. Visualizza gli elenchi dei miglioramenti per versione nella barra di navigazione a sinistra.

Androide 14

Every Android release includes dozens of security enhancements to protect users. Here are some of the major security enhancements available in Android 14:

  • Hardware-assisted AddressSanitizer (HWASan), introduced in Android 10, is a memory error detection tool similar to AddressSanitizer. Android 14 brings significant improvements to HWASan. Learn how it helps prevent bugs from making it into Android releases, HWAddressSanitizer
  • In Android 14, starting with apps that share location data with third-parties, the system runtime permission dialog now includes a clickable section that highlights the app's data-sharing practices, including information such as why an app may decide to share data with third parties.
  • Android 12 introduced an option to disable 2G support at the modem level, which protects users from the inherent security risk from 2G's obsolete security model. Recognizing how critical disabling 2G could be for enterprise customers, Android 14 enables this security feature in Android Enterprise, introducing support for IT admins to restrict the ability of a managed device to downgrade to 2G connectivity.
  • Added support to reject null-ciphered cellular connections, ensuring that circuit-switched voice and SMS traffic is always encrypted and protected from passive over-the-air interception. Learn more about Android's program to harden cellular connectivity.
  • Added support for multiple IMEIs
  • Since Android 14, AES-HCTR2 is the preferred mode of filenames encryption for devices with accelerated cryptography instructions.
  • Cellular connectivity
  • Documentation added for Android Safety Center
  • If your app targets Android 14 and uses Dynamic Code Loading (DCL), all dynamically-loaded files must be marked as read-only. Otherwise, the system throws an exception. We recommend that apps avoid dynamically loading code whenever possible, as doing so greatly increases the risk that an app can be compromised by code injection or code tampering.

Check out our full AOSP release notes and the Android Developer features and changes list.

Androide 13

Ogni versione di Android include decine di miglioramenti alla sicurezza per proteggere gli utenti. Ecco alcuni dei principali miglioramenti della sicurezza disponibili in Android 13:

  • Android 13 aggiunge il supporto per presentazioni multi-documento. Questa nuova interfaccia della sessione di presentazione consente a un'applicazione di eseguire una presentazione multi-documento, cosa che non è possibile con l'API esistente. Per ulteriori informazioni, fare riferimento a Credenziali di identità
  • In Android 13, gli intenti originati da app esterne vengono consegnati a un componente esportato se e solo se gli intenti corrispondono agli elementi di filtro intenti dichiarati.
  • Open Mobile API (OMAPI) è un'API standard utilizzata per comunicare con Secure Element di un dispositivo. Prima di Android 13, solo le applicazioni e i moduli framework avevano accesso a questa interfaccia. Convertendolo in un'interfaccia stabile del fornitore, i moduli HAL sono anche in grado di comunicare con gli elementi sicuri tramite il servizio OMAPI. Per ulteriori informazioni, consulta Interfaccia stabile del fornitore OMAPI .
  • A partire da Android 13-QPR, gli UID condivisi sono deprecati. Gli utenti di Android 13 o versioni successive devono inserire la riga "android:sharedUserMaxSdkVersion="32"` nel manifest. Questa voce impedisce ai nuovi utenti di ottenere un UID condiviso. Per ulteriori informazioni sugli UID, vedere Firma dell'applicazione .
  • Android 13 ha aggiunto il supporto delle primitive crittografiche simmetriche Keystore come AES (Advanced Encryption Standard), HMAC (Keyed-Hash Message Authentication Code) e algoritmi crittografici asimmetrici (inclusi Elliptic Curve, RSA2048, RSA4096 e Curve 25519)
  • Android 13 (livello API 33) e versioni successive supportano un'autorizzazione di runtime per l'invio di notifiche non esenti da un'app . Ciò offre agli utenti il ​​controllo su quali notifiche di autorizzazione visualizzare.
  • Aggiunta richiesta di utilizzo per le app che richiedono l'accesso a tutti i registri del dispositivo , offrendo agli utenti la possibilità di consentire o negare l'accesso.
  • ha introdotto Android Virtualization Framework (AVF) , che riunisce diversi hypervisor in un unico framework con API standardizzate. Fornisce ambienti di esecuzione sicuri e privati ​​per l'esecuzione di carichi di lavoro isolati dall'hypervisor.
  • Introdotto lo schema di firma APK v3.1 Tutte le nuove rotazioni di chiave che utilizzano apksigner utilizzeranno lo schema di firma v3.1 per impostazione predefinita per indirizzare la rotazione per Android 13 e versioni successive.

Consulta le nostre note di rilascio AOSP complete e l' elenco delle funzionalità e delle modifiche per sviluppatori Android.

Androide 12

Ogni versione di Android include decine di miglioramenti alla sicurezza per proteggere gli utenti. Ecco alcuni dei principali miglioramenti della sicurezza disponibili in Android 12:

  • Android 12 introduce l' API BiometricManager.Strings , che fornisce stringhe localizzate per le app che utilizzano BiometricPrompt per l'autenticazione. Queste stringhe sono destinate a riconoscere il dispositivo e a fornire maggiore specificità sui tipi di autenticazione che possono essere utilizzati. Android 12 include anche il supporto per i sensori di impronte digitali sotto il display
  • Aggiunto supporto per sensori di impronte digitali sotto il display
  • Introduzione del Fingerprint Android Interface Definition Language (AIDL)
  • Supporto per il nuovo Face AIDL
  • Introduzione di Rust come linguaggio per lo sviluppo di piattaforme
  • Aggiunta l'opzione per consentire agli utenti di concedere l'accesso solo alla loro posizione approssimativa
  • Aggiunti indicatori di privacy sulla barra di stato quando un'app utilizza la fotocamera o il microfono
  • Private Compute Core (PCC) di Android
  • Aggiunta un'opzione per disabilitare il supporto 2G

Androide 11

Ogni versione di Android include dozzine di miglioramenti della sicurezza per proteggere gli utenti. Per un elenco di alcuni dei principali miglioramenti della sicurezza disponibili in Android 11, consulta le Note sulla versione di Android .

Androide 10

Every Android release includes dozens of security enhancements to protect users. Android 10 includes several security and privacy enhancements. See the Android 10 release notes for a complete list of changes in Android 10.

Security

BoundsSanitizer

Android 10 deploys BoundsSanitizer (BoundSan) in Bluetooth and codecs. BoundSan uses UBSan's bounds sanitizer. This mitigation is enabled on a per-module level. It helps keep critical components of Android secure and shouldn't be disabled. BoundSan is enabled in the following codecs:

  • libFLAC
  • libavcdec
  • libavcenc
  • libhevcdec
  • libmpeg2
  • libopus
  • libvpx
  • libspeexresampler
  • libvorbisidec
  • libaac
  • libxaac

Execute-only memory

By default, executable code sections for AArch64 system binaries are marked execute-only (nonreadable) as a hardening mitigation against just-in-time code reuse attacks. Code that mixes data and code together and code that purposefully inspects these sections (without first remapping the memory segments as readable) no longer functions. Apps with a target SDK of Android 10 (API level 29 or higher) are impacted if the app attempts to read code sections of execute-only memory (XOM) enabled system libraries in memory without first marking the section as readable.

Extended access

Trust agents, the underlying mechanism used by tertiary authentication mechanisms such as Smart Lock, can only extend unlock in Android 10. Trust agents can no longer unlock a locked device and can only keep a device unlocked for a maximum of four hours.

Face authentication

Face authentication allows users to unlock their device simply by looking at the front of their device. Android 10 adds support for a new face authentication stack that can securely process camera frames, preserving security and privacy during face authentication on supported hardware. Android 10 also provides an easy way for security-compliant implementations to enable app integration for transactions such as online banking or other services.

Integer Overflow Sanitization

Android 10 enables Integer Overflow Sanitization (IntSan) in software codecs. Ensure that playback performance is acceptable for any codecs that aren't supported in the device's hardware. IntSan is enabled in the following codecs:

  • libFLAC
  • libavcdec
  • libavcenc
  • libhevcdec
  • libmpeg2
  • libopus
  • libvpx
  • libspeexresampler
  • libvorbisidec

Modular system components

Android 10 modularizes some Android system components and enables them to be updated outside of the normal Android release cycle. Some modules include:

OEMCrypto

Android 10 uses OEMCrypto API version 15.

Scudo

Scudo is a dynamic user-mode memory allocator designed to be more resilient against heap-related vulnerabilities. It provides the standard C allocation and deallocation primitives, as well as the C++ primitives.

ShadowCallStack

ShadowCallStack (SCS) is an LLVM instrumentation mode that protects against return address overwrites (like stack buffer overflows) by saving a function's return address to a separately allocated ShadowCallStack instance in the function prolog of nonleaf functions and loading the return address from the ShadowCallStack instance in the function epilog.

WPA3 and Wi-Fi Enhanced Open

Android 10 adds support for the Wi-Fi Protected Access 3 (WPA3) and Wi-Fi Enhanced Open security standards to provide better privacy and robustness against known attacks.

Privacy

App access when targeting Android 9 or lower

If your app runs on Android 10 or higher but targets Android 9 (API level 28) or lower, the platform applies the following behavior:

  • If your app declares a <uses-permission> element for either ACCESS_FINE_LOCATION or ACCESS_COARSE_LOCATION, the system automatically adds a <uses-permission> element for ACCESS_BACKGROUND_LOCATION during installation.
  • If your app requests either ACCESS_FINE_LOCATION or ACCESS_COARSE_LOCATION, the system automatically adds ACCESS_BACKGROUND_LOCATION to the request.

Background activity restrictions

Starting in Android 10, the system places restrictions on starting activities from the background. This behavior change helps minimize interruptions for the user and keeps the user more in control of what's shown on their screen. As long as your app starts activities as a direct result of user interaction, your app most likely isn't affected by these restrictions.
To learn more about the recommended alternative to starting activities from the background, see the guide on how to alert users of time-sensitive events in your app.

Camera metadata

Android 10 changes the breadth of information that the getCameraCharacteristics() method returns by default. In particular, your app must have the CAMERA permission in order to access potentially device-specific metadata that is included in this method's return value.
To learn more about these changes, see the section about camera fields that require permission.

Clipboard data

Unless your app is the default input method editor (IME) or is the app that currently has focus, your app cannot access clipboard data on Android 10 or higher.

Device location

To support the additional control that users have over an app's access to location information, Android 10 introduces the ACCESS_BACKGROUND_LOCATION permission.
Unlike the ACCESS_FINE_LOCATION and ACCESS_COARSE_LOCATION permissions, the ACCESS_BACKGROUND_LOCATION permission only affects an app's access to location when it runs in the background. An app is considered to be accessing location in the background unless one of the following conditions is satisfied:

  • An activity belonging to the app is visible.
  • The app is running a foreground service that has declared a foreground service type of location.
    To declare the foreground service type for a service in your app, set your app's targetSdkVersion or compileSdkVersion to 29 or higher. Learn more about how foreground services can continue user-initiated actions that require access to location.

External storage

By default, apps targeting Android 10 and higher are given scoped access into external storage, or scoped storage. Such apps can see the following types of files within an external storage device without needing to request any storage-related user permissions:

To learn more about scoped storage, as well as how to share, access, and modify files that are saved on external storage devices, see the guides on how to manage files in external storage and access and modify media files.

MAC address randomization

On devices that run Android 10 or higher, the system transmits randomized MAC addresses by default.
If your app handles an enterprise use case, the platform provides APIs for several operations related to MAC addresses:

  • Obtain randomized MAC address: Device owner apps and profile owner apps can retrieve the randomized MAC address assigned to a specific network by calling getRandomizedMacAddress().
  • Obtain actual, factory MAC address: Device owner apps can retrieve a device's actual hardware MAC address by calling getWifiMacAddress(). This method is useful for tracking fleets of devices.

Non-resettable device identifiers

Starting in Android 10, apps must have the READ_PRIVILEGED_PHONE_STATE privileged permission in order to access the device's non-resettable identifiers, which include both IMEI and serial number.

If your app doesn't have the permission and you try asking for information about non-resettable identifiers anyway, the platform's response varies based on target SDK version:

  • If your app targets Android 10 or higher, a SecurityException occurs.
  • If your app targets Android 9 (API level 28) or lower, the method returns null or placeholder data if the app has the READ_PHONE_STATE permission. Otherwise, a SecurityException occurs.

Physical activity recognition

Android 10 introduces the android.permission.ACTIVITY_RECOGNITION runtime permission for apps that need to detect the user's step count or classify the user's physical activity, such as walking, biking, or moving in a vehicle. This is designed to give users visibility of how device sensor data is used in Settings.
Some libraries within Google Play services, such as the Activity Recognition API and the Google Fit API, don't provide results unless the user has granted your app this permission.
The only built-in sensors on the device that require you to declare this permission are the step counter and step detector sensors.
If your app targets Android 9 (API level 28) or lower, the system auto-grants the android.permission.ACTIVITY_RECOGNITION permission to your app, as needed, if your app satisfies each of the following conditions:

  • The manifest file includes the com.google.android.gms.permission.ACTIVITY_RECOGNITION permission.
  • The manifest file doesn't include the android.permission.ACTIVITY_RECOGNITION permission.

If the system-auto grants the android.permission.ACTIVITY_RECOGNITION permission, your app retains the permission after you update your app to target Android 10. However, the user can revoke this permission at any time in system settings.

/proc/net filesystem restrictions

On devices that run Android 10 or higher, apps cannot access /proc/net, which includes information about a device's network state. Apps that need access to this information, such as VPNs, should use the NetworkStatsManager or ConnectivityManager class.

Permission groups removed from UI

As of Android 10, apps cannot look up how permissions are grouped in the UI.

Removal of contacts affinity

Starting in Android 10, the platform doesn't keep track of contacts affinity information. As a result, if your app conducts a search on the user's contacts, the results aren't ordered by frequency of interaction.
The guide about ContactsProvider contains a notice describing the specific fields and methods that are obsolete on all devices starting in Android 10.

Restricted access to screen contents

To protect users' screen contents, Android 10 prevents silent access to the device's screen contents by changing the scope of the READ_FRAME_BUFFER, CAPTURE_VIDEO_OUTPUT, and CAPTURE_SECURE_VIDEO_OUTPUT permissions. As of Android 10, these permissions are signature-access only.
Apps that need to access the device's screen contents should use the MediaProjection API, which displays a prompt asking the user to provide consent.

USB device serial number

If your app targets Android 10 or higher, your app cannot read the serial number until the user has granted your app permission to access the USB device or accessory.
To learn more about working with USB devices, see the guide on how to configure USB hosts.

Wi-Fi

Apps targeting Android 10 or higher cannot enable or disable Wi-Fi. The WifiManager.setWifiEnabled() method always returns false.
If you need to prompt users to enable and disable Wi-Fi, use a settings panel.

Restrictions on direct access to configured Wi-Fi networks

To protect user privacy, manual configuration of the list of Wi-Fi networks is restricted to system apps and device policy controllers (DPCs). A given DPC can be either the device owner or the profile owner.
If your app targets Android 10 or higher, and it isn't a system app or a DPC, then the following methods don't return useful data:

Androide 9

Ogni versione di Android include dozzine di miglioramenti della sicurezza per proteggere gli utenti. Per un elenco di alcuni dei principali miglioramenti della sicurezza disponibili in Android 9, consulta le Note sulla versione di Android .

Androide 8

Every Android release includes dozens of security enhancements to protect users. Here are some of the major security enhancements available in Android 8.0:

  • Encryption. Added support to evict key in work profile.
  • Verified Boot. Added Android Verified Boot (AVB). Verified Boot codebase supporting rollback protection for use in boot loaders added to AOSP. Recommend bootloader support for rollback protection for the HLOS. Recommend boot loaders can only be unlocked by user physically interacting with the device.
  • Lock screen. Added support for using tamper-resistant hardware to verify lock screen credential.
  • KeyStore. Required key attestation for all devices that ship with Android 8.0+. Added ID attestation support to improve Zero Touch Enrollment.
  • Sandboxing. More tightly sandboxed many components using Project Treble's standard interface between framework and device-specific components. Applied seccomp filtering to all untrusted apps to reduce the kernel's attack surface. WebView is now run in an isolated process with very limited access to the rest of the system.
  • Kernel hardening. Implemented hardened usercopy, PAN emulation, read-only after init, and KASLR.
  • Userspace hardening. Implemented CFI for the media stack. App overlays can no longer cover system-critical windows and users have a way to dismiss them.
  • Streaming OS update. Enabled updates on devices that are are low on disk space.
  • Install unknown apps. Users must grant permission to install apps from a source that isn't a first-party app store.
  • Privacy. Android ID (SSAID) has a different value for each app and each user on the device. For web browser apps, Widevine Client ID returns a different value for each app package name and web origin. net.hostname is now empty and the dhcp client no longer sends a hostname. android.os.Build.SERIAL has been replaced with the Build.SERIAL API which is protected behind a user-controlled permission. Improved MAC address randomization in some chipsets.

Androide7

Ogni versione di Android include dozzine di miglioramenti della sicurezza per proteggere gli utenti. Ecco alcuni dei principali miglioramenti della sicurezza disponibili in Android 7.0:

  • Crittografia basata su file . La crittografia a livello di file, invece di crittografare l'intera area di archiviazione come una singola unità, isola e protegge meglio i singoli utenti e profili (come quelli personali e di lavoro) su un dispositivo.
  • Avvio diretto . Abilitato dalla crittografia basata su file, Direct Boot consente l'esecuzione di alcune app come la sveglia e le funzioni di accessibilità quando il dispositivo è acceso ma non sbloccato.
  • Stivale verificato . L'avvio verificato è ora rigorosamente applicato per impedire l'avvio dei dispositivi compromessi; supporta la correzione degli errori per migliorare l'affidabilità contro il danneggiamento dei dati non dannoso.
  • SELinux . La configurazione SELinux aggiornata e la maggiore copertura seccomp bloccano ulteriormente la sandbox dell'applicazione e riducono la superficie di attacco.
  • Randomizzazione dell'ordine di caricamento della libreria e ASLR migliorato . La maggiore casualità rende meno affidabili alcuni attacchi di riutilizzo del codice.
  • Indurimento del kernel . Aggiunta una protezione aggiuntiva della memoria per i kernel più recenti contrassegnando porzioni di memoria del kernel come di sola lettura, limitando l'accesso del kernel agli indirizzi dello spazio utente e riducendo ulteriormente la superficie di attacco esistente.
  • Schema di firma APK v2 . Introdotto uno schema di firma dell'intero file che migliora la velocità di verifica e rafforza le garanzie di integrità.
  • Archivio CA affidabile . Per consentire alle app di controllare più facilmente l'accesso al proprio traffico di rete protetto, le autorità di certificazione installate dagli utenti e quelle installate tramite le API di amministrazione del dispositivo non sono più considerate attendibili per impostazione predefinita per le app destinate al livello API 24+. Inoltre, tutti i nuovi dispositivi Android devono essere spediti con lo stesso archivio CA affidabile.
  • Configurazione sicurezza di rete . Configura la sicurezza di rete e TLS tramite un file di configurazione dichiarativo.

Androide 6

Ogni versione di Android include dozzine di miglioramenti della sicurezza per proteggere gli utenti. Ecco alcuni dei principali miglioramenti della sicurezza disponibili in Android 6.0:

  • Autorizzazioni di runtime . Le applicazioni richiedono autorizzazioni in fase di esecuzione anziché essere concesse al momento dell'installazione dell'app. Gli utenti possono attivare e disattivare le autorizzazioni sia per le applicazioni M che per quelle pre-M.
  • Stivale verificato . Prima dell'esecuzione viene eseguita una serie di controlli crittografici del software di sistema per garantire che il telefono sia integro dal bootloader fino al sistema operativo.
  • Sicurezza isolata dall'hardware . Nuovo Hardware Abstraction Layer (HAL) utilizzato da Fingerprint API, Lockscreen, Device Encryption e Client Certificates per proteggere le chiavi dalla compromissione del kernel e/o da attacchi fisici locali
  • Impronte digitali . I dispositivi ora possono essere sbloccati con un semplice tocco. Gli sviluppatori possono anche sfruttare le nuove API per utilizzare le impronte digitali per bloccare e sbloccare le chiavi di crittografia.
  • Adozione scheda SD . I supporti rimovibili possono essere adottati su un dispositivo ed espandere lo spazio di archiviazione disponibile per dati locali dell'app, foto, video, ecc., ma essere comunque protetti dalla crittografia a livello di blocco.
  • Traffico di testo in chiaro . Gli sviluppatori possono utilizzare un nuovo StrictMode per assicurarsi che la loro applicazione non utilizzi il testo in chiaro.
  • Rafforzamento del sistema . Rafforzamento del sistema tramite le politiche imposte da SELinux. Ciò offre un migliore isolamento tra gli utenti, il filtraggio IOCTL, riduce la minaccia dei servizi esposti, un ulteriore restringimento dei domini SELinux e un accesso /proc estremamente limitato.
  • Controllo dell'accesso USB: gli utenti devono confermare per consentire l'accesso USB a file, archiviazione o altre funzionalità sul telefono. L'impostazione predefinita ora è addebitata solo con l'accesso allo spazio di archiviazione che richiede l'approvazione esplicita dell'utente.

Androide 5

5.0

Ogni versione di Android include dozzine di miglioramenti della sicurezza per proteggere gli utenti. Ecco alcuni dei principali miglioramenti della sicurezza disponibili in Android 5.0:

  • Crittografato per impostazione predefinita. Sui dispositivi forniti con L out-of-the-box, la crittografia completa del disco è abilitata per impostazione predefinita per migliorare la protezione dei dati sui dispositivi smarriti o rubati. I dispositivi che si aggiornano a L possono essere crittografati in Impostazioni > Sicurezza .
  • Crittografia completa del disco migliorata. La password dell'utente è protetta dagli attacchi di forza bruta mediante scrypt e, ove disponibile, la chiave è associata al keystore hardware per prevenire attacchi off-device. Come sempre, il segreto di blocco dello schermo di Android e la chiave di crittografia del dispositivo non vengono inviati dal dispositivo o esposti ad alcuna applicazione.
  • Sandbox Android rinforzato con SELinux . Android ora richiede SELinux in modalità di applicazione per tutti i domini. SELinux è un sistema di controllo dell'accesso obbligatorio (MAC) nel kernel Linux utilizzato per aumentare il modello di sicurezza DAC (Discretional Access Control) esistente. Questo nuovo livello fornisce una protezione aggiuntiva contro potenziali vulnerabilità della sicurezza.
  • Serratura intelligente. Android ora include trustlet che offrono maggiore flessibilità per lo sblocco dei dispositivi. Ad esempio, i trustlet possono consentire lo sblocco automatico dei dispositivi quando sono vicini a un altro dispositivo affidabile (tramite NFC, Bluetooth) o vengono utilizzati da qualcuno con un volto fidato.
  • Modalità multiutente, profilo limitato e ospite per telefoni e tablet. Android ora fornisce più utenti sui telefoni e include una modalità ospite che può essere utilizzata per fornire un facile accesso temporaneo al tuo dispositivo senza concedere l'accesso ai tuoi dati e alle tue app.
  • Aggiornamenti a WebView senza OTA. WebView ora può essere aggiornato indipendentemente dal framework e senza OTA di sistema. Ciò consentirà una risposta più rapida a potenziali problemi di sicurezza in WebView.
  • Crittografia aggiornata per HTTPS e TLS/SSL. TLSv1.2 e TLSv1.1 sono ora abilitati, la segretezza in avanti è ora preferita, AES-GCM è ora abilitato e le suite di crittografia deboli (MD5, 3DES e suite di crittografia di esportazione) sono ora disabilitate. Per maggiori dettagli, vedere https://developer.android.com/reference/javax/net/ssl/SSLSocket.html .
  • supporto per linker non PIE rimosso. Android ora richiede che tutti gli eseguibili collegati dinamicamente supportino PIE (eseguibili indipendenti dalla posizione). Ciò migliora l'implementazione della randomizzazione del layout dello spazio degli indirizzi (ASLR) di Android.
  • FORTIFY_SOURCE miglioramenti. Le seguenti funzioni libc ora implementano le protezioni FORTIFY_SOURCE: stpcpy() , stpncpy() , read() , recvfrom() , FD_CLR() , FD_SET() e FD_ISSET() . Ciò fornisce protezione contro le vulnerabilità di danneggiamento della memoria che coinvolgono tali funzioni.
  • Correzioni di sicurezza. Android 5.0 include anche correzioni per vulnerabilità specifiche di Android. Le informazioni su queste vulnerabilità sono state fornite ai membri di Open Handset Alliance e le correzioni sono disponibili in Android Open Source Project. Per migliorare la sicurezza, anche alcuni dispositivi con versioni precedenti di Android potrebbero includere queste correzioni.

Android 4 e versioni precedenti

Ogni versione di Android include dozzine di miglioramenti della sicurezza per proteggere gli utenti. Di seguito sono riportati alcuni dei miglioramenti della sicurezza disponibili in Android 4.4:

  • Sandbox Android rinforzato con SELinux. Android ora utilizza SELinux in modalità di applicazione. SELinux è un sistema di controllo dell'accesso (MAC) obbligatorio nel kernel Linux utilizzato per aumentare il modello di sicurezza basato sul controllo dell'accesso discrezionale (DAC) esistente. Ciò fornisce una protezione aggiuntiva contro potenziali vulnerabilità della sicurezza.
  • VPN per utente. Sui dispositivi multiutente, le VPN vengono ora applicate per utente. Ciò può consentire a un utente di instradare tutto il traffico di rete attraverso una VPN senza influire sugli altri utenti sul dispositivo.
  • Supporto del provider ECDSA in AndroidKeyStore. Android dispone ora di un provider di keystore che consente l'utilizzo di algoritmi ECDSA e DSA.
  • Avvisi di monitoraggio del dispositivo. Android fornisce agli utenti un avviso se è stato aggiunto un certificato all'archivio certificati del dispositivo che potrebbe consentire il monitoraggio del traffico di rete crittografato.
  • FORTIFY_SOURCE. Android ora supporta FORTIFY_SOURCE livello 2 e tutto il codice viene compilato con queste protezioni. FORTIFY_SOURCE è stato migliorato per funzionare con clang.
  • Appuntamento del certificato. Android 4.4 rileva e previene l'uso di certificati Google fraudolenti utilizzati nelle comunicazioni SSL/TLS sicure.
  • Correzioni di sicurezza. Android 4.4 include anche correzioni per vulnerabilità specifiche di Android. Le informazioni su queste vulnerabilità sono state fornite ai membri di Open Handset Alliance e le correzioni sono disponibili in Android Open Source Project. Per migliorare la sicurezza, anche alcuni dispositivi con versioni precedenti di Android potrebbero includere queste correzioni.

Ogni versione di Android include decine di miglioramenti alla sicurezza per proteggere gli utenti. Di seguito sono riportati alcuni dei miglioramenti della sicurezza disponibili in Android 4.3:

  • Sandbox Android rinforzato con SELinux. Questa versione rafforza la sandbox Android utilizzando il sistema di controllo degli accessi obbligatorio (MAC) SELinux nel kernel Linux. Il rafforzamento di SELinux è invisibile agli utenti e agli sviluppatori e aggiunge robustezza al modello di sicurezza Android esistente mantenendo la compatibilità con le applicazioni esistenti. Per garantire la compatibilità continua, questa versione consente l'uso di SELinux in modalità permissiva. Questa modalità registra eventuali violazioni delle policy, ma non interromperà le applicazioni né influenzerà il comportamento del sistema.
  • Nessun programma setuid/setgid. Aggiunto il supporto per le funzionalità del filesystem ai file di sistema Android e rimossi tutti i programmi setuid/setguid. Ciò riduce la superficie di attacco root e la probabilità di potenziali vulnerabilità della sicurezza.
  • Autenticazione ADB. A partire da Android 4.2.2, le connessioni ad ADB vengono autenticate con una coppia di chiavi RSA. Ciò impedisce l'uso non autorizzato di ADB laddove l'aggressore ha accesso fisico a un dispositivo.
  • Limita Setuid dalle app Android. La partizione /system è ora montata su nosuid per i processi generati dallo zigote, impedendo alle applicazioni Android di eseguire programmi setuid. Ciò riduce la superficie di attacco root e la probabilità di potenziali vulnerabilità della sicurezza.
  • Delimitazione delle capacità. Android zygote e ADB ora utilizzano prctl(PR_CAPBSET_DROP) per eliminare le funzionalità non necessarie prima di eseguire le applicazioni. Ciò impedisce alle applicazioni Android e alle applicazioni avviate dalla shell di acquisire funzionalità privilegiate.
  • Fornitore AndroidKeyStore. Android ora dispone di un provider di archivi di chiavi che consente alle applicazioni di creare chiavi di utilizzo esclusivo. Ciò fornisce alle applicazioni un'API per creare o archiviare chiavi private che non possono essere utilizzate da altre applicazioni.
  • KeyChain è l'algoritmo BoundKey. L'API Portachiavi ora fornisce un metodo (isBoundKeyType) che consente alle applicazioni di confermare che le chiavi a livello di sistema sono associate a una radice hardware di attendibilità per il dispositivo. Ciò fornisce un luogo in cui creare o archiviare chiavi private che non possono essere esportate dal dispositivo, anche in caso di compromissione del root.
  • NO_NEW_PRIVS. Android zygote ora utilizza prctl(PR_SET_NO_NEW_PRIVS) per bloccare l'aggiunta di nuovi privilegi prima dell'esecuzione del codice dell'applicazione. Ciò impedisce alle applicazioni Android di eseguire operazioni che possono elevare i privilegi tramite execve. (Ciò richiede il kernel Linux versione 3.5 o successiva).
  • Miglioramenti FORTIFY_SOURCE. Abilitato FORTIFY_SOURCE su Android x86 e MIPS e chiamate strchr(), strrchr(), strlen() e umask() fortificate. Ciò può rilevare potenziali vulnerabilità di danneggiamento della memoria o costanti di stringa non terminate.
  • Tutele per il trasferimento. Abilitate le rilocazioni di sola lettura (relro) per gli eseguibili collegati staticamente e rimosse tutte le rilocazioni di testo nel codice Android. Ciò fornisce una difesa approfondita contro potenziali vulnerabilità di corruzione della memoria.
  • Migliorato EntropyMixer. EntropyMixer ora scrive entropia allo spegnimento/riavvio, oltre al missaggio periodico. Ciò consente di conservare tutta l'entropia generata mentre i dispositivi sono accesi ed è particolarmente utile per i dispositivi che vengono riavviati immediatamente dopo il provisioning.
  • Correzioni di sicurezza. Android 4.3 include anche correzioni per vulnerabilità specifiche di Android. Le informazioni su queste vulnerabilità sono state fornite ai membri della Open Handset Alliance e le correzioni sono disponibili in Android Open Source Project. Per migliorare la sicurezza, anche alcuni dispositivi con versioni precedenti di Android potrebbero includere queste correzioni.

Android provides a multi-layered security model described in the Android Security Overview. Each update to Android includes dozens of security enhancements to protect users. The following are some of the security enhancements introduced in Android 4.2:

  • Application verification - Users can choose to enable “Verify Apps" and have applications screened by an application verifier, prior to installation. App verification can alert the user if they try to install an app that might be harmful; if an application is especially bad, it can block installation.
  • More control of premium SMS - Android will provide a notification if an application attempts to send SMS to a short code that uses premium services which might cause additional charges. The user can choose whether to allow the application to send the message or block it.
  • Always-on VPN - VPN can be configured so that applications will not have access to the network until a VPN connection is established. This prevents applications from sending data across other networks.
  • Certificate Pinning - The Android core libraries now support certificate pinning. Pinned domains will receive a certificate validation failure if the certificate does not chain to a set of expected certificates. This protects against possible compromise of Certificate Authorities.
  • Improved display of Android permissions - Permissions have been organized into groups that are more easily understood by users. During review of the permissions, the user can click on the permission to see more detailed information about the permission.
  • installd hardening - The installd daemon does not run as the root user, reducing potential attack surface for root privilege escalation.
  • init script hardening - init scripts now apply O_NOFOLLOW semantics to prevent symlink related attacks.
  • FORTIFY_SOURCE - Android now implements FORTIFY_SOURCE. This is used by system libraries and applications to prevent memory corruption.
  • ContentProvider default configuration - Applications which target API level 17 will have "export" set to "false" by default for each Content Provider, reducing default attack surface for applications.
  • Cryptography - Modified the default implementations of SecureRandom and Cipher.RSA to use OpenSSL. Added SSL Socket support for TLSv1.1 and TLSv1.2 using OpenSSL 1.0.1
  • Security Fixes - Upgraded open source libraries with security fixes include WebKit, libpng, OpenSSL, and LibXML. Android 4.2 also includes fixes for Android-specific vulnerabilities. Information about these vulnerabilities has been provided to Open Handset Alliance members and fixes are available in Android Open Source Project. To improve security, some devices with earlier versions of Android may also include these fixes.

Android provides a multi-layered security model described in the Android Security Overview. Each update to Android includes dozens of security enhancements to protect users. The following are some of the security enhancements introduced in Android versions 1.5 through 4.1:

Android 1.5
  • ProPolice to prevent stack buffer overruns (-fstack-protector)
  • safe_iop to reduce integer overflows
  • Extensions to OpenBSD dlmalloc to prevent double free() vulnerabilities and to prevent chunk consolidation attacks. Chunk consolidation attacks are a common way to exploit heap corruption.
  • OpenBSD calloc to prevent integer overflows during memory allocation
Android 2.3
  • Format string vulnerability protections (-Wformat-security -Werror=format-security)
  • Hardware-based No eXecute (NX) to prevent code execution on the stack and heap
  • Linux mmap_min_addr to mitigate null pointer dereference privilege escalation (further enhanced in Android 4.1)
Android 4.0
Address Space Layout Randomization (ASLR) to randomize key locations in memory
Android 4.1
  • PIE (Position Independent Executable) support
  • Read-only relocations / immediate binding (-Wl,-z,relro -Wl,-z,now)
  • dmesg_restrict enabled (avoid leaking kernel addresses)
  • kptr_restrict enabled (avoid leaking kernel addresses)