Glossario della piattaforma Android

Consulta l'elenco seguente per apprendere la terminologia di base del progetto Android Open Source (AOSP). Ecco altre fonti per le definizioni dei termini chiave:

Vedere Codificazione con rispetto per esempi di terminologia da utilizzare ed evitare per un ecosistema più inclusivo.

App

file .apk
File del pacchetto dell'applicazione Android. Ogni applicazione Android viene compilata e inserita in un unico file che include tutto il codice dell'applicazione (file .dex), le risorse, le risorse e il file manifest. Il file del pacchetto dell'applicazione può avere qualsiasi nome ma deve utilizzare l'estensione .apk . Ad esempio: myExampleAppname.apk . Per comodità, il file del pacchetto dell'applicazione viene spesso definito ".apk".

Correlato: Applicazione .

Azione
Una descrizione di qualcosa che un mittente dell'intento desidera che venga fatto. Un'azione è un valore stringa assegnato a un intento. Le stringhe di azioni possono essere definite da Android o da uno sviluppatore di terze parti. Ad esempio, android.intent.action.VIEW per un URL Web o com.example.rumbler.SHAKE_PHONE per un'applicazione personalizzata per far vibrare il telefono.

Correlato: Intento .

Attività
Una singola schermata in un'applicazione, con codice Java di supporto, derivata dalla classe Activity . Nella maggior parte dei casi, un'attività è rappresentata visibilmente da una finestra a schermo intero in grado di ricevere e gestire eventi dell'interfaccia utente ed eseguire attività complesse, grazie al Window utilizzato per eseguire il rendering della relativa finestra. Sebbene un'attività sia generalmente a schermo intero, può anche essere mobile o trasparente.
Applicazione
Dal punto di vista dei componenti, un'applicazione Android è costituita da una o più attività, servizi, ascoltatori e destinatari di intenti. Dal punto di vista del file sorgente, un'applicazione Android è costituita da codice, risorse, asset e un singolo manifest. Durante la compilazione, questi file vengono compressi in un unico file denominato file del pacchetto dell'applicazione (.apk).

Correlati: .apk , Attività

Ricevitore di trasmissione
Una classe di applicazione che ascolta gli intenti trasmessi, anziché essere inviati a una singola applicazione/attività di destinazione. Il sistema fornisce un intento di trasmissione a tutti i ricevitori di trasmissione interessati, che gestiscono l'intento in sequenza.

Correlati: Intento , Filtro intent .

Fornitore di contenuti
Un livello di astrazione dei dati che puoi utilizzare per esporre in modo sicuro i dati della tua applicazione ad altre applicazioni. Un provider di contenuto è basato sulla classe ContentProvider , che gestisce le stringhe di query di contenuto di un formato specifico per restituire dati in un formato specifico. Per ulteriori informazioni, vedere l'argomento Provider di contenuto .

Correlato: Utilizzo dell'URI in Android

Dialogo
Una finestra mobile che funge da forma leggera. Una finestra di dialogo può avere solo controlli tramite pulsanti ed è destinata a eseguire un'azione semplice (come la scelta di un pulsante) e magari restituire un valore. Una finestra di dialogo non è destinata a persistere nello stack della cronologia, contenere layout complessi o eseguire azioni complesse. Android fornisce una semplice finestra di dialogo predefinita con pulsanti opzionali, sebbene sia possibile definire il proprio layout di finestra di dialogo. La classe base per le finestre di dialogo è Dialog .

Correlati: attività .

Intento
Un oggetto messaggio che è possibile utilizzare per avviare o comunicare con altre applicazioni/attività in modo asincrono. Un oggetto Intent è un'istanza di Intent . Include diversi campi di criteri che puoi fornire, per determinare quale applicazione/attività riceve l'intento e cosa fa il destinatario quando gestisce l'intento. I criteri disponibili includono l'azione desiderata, una categoria, una stringa di dati, il tipo MIME dei dati, una classe di gestione e altri. Un'applicazione invia un Intent al sistema Android, anziché inviarlo direttamente a un'altra applicazione/attività. L'applicazione può inviare l'intento a una singola applicazione di destinazione oppure può inviarlo come broadcast, che a sua volta può essere gestito da più applicazioni in sequenza. Il sistema Android è responsabile della risoluzione del miglior ricevitore disponibile per ciascun Intent, in base ai criteri forniti nell'Intent e ai Filtri Intent definiti da altre applicazioni. Per ulteriori informazioni, consulta Intenti e filtri di intenti .

Correlati: filtro intent , ricevitore broadcast .

Filtro intenti
Un oggetto filtro che un'applicazione dichiara nel suo file manifest, per indicare al sistema quali tipi di intenti ciascuno dei suoi componenti è disposto ad accettare e con quali criteri. Attraverso un filtro di intenti, un'applicazione può esprimere interesse per tipi di dati specifici, azioni di intenti, formati URI e così via. Quando si risolve un intento, il sistema valuta tutti i filtri di intento disponibili in tutte le applicazioni e passa l'intento all'applicazione/attività che meglio corrisponde all'intento e ai criteri. Per ulteriori informazioni, consulta Intenti e filtri di intenti .

Correlati: Intento , Ricevitore di trasmissione .

Risorse
Componenti dell'applicazione non programmatici esterni al codice dell'applicazione compilato, ma che possono essere caricati dal codice dell'applicazione utilizzando un formato di riferimento noto. Android supporta diversi tipi di risorse, ma le risorse di un'applicazione tipica sarebbero costituite da stringhe dell'interfaccia utente, componenti del layout dell'interfaccia utente, grafica o altri file multimediali e così via. Un'applicazione utilizza le risorse per supportare in modo efficiente la localizzazione e vari profili e stati del dispositivo. Ad esempio, un'applicazione includerebbe un set separato di risorse per ogni tipo di dispositivo o locale supportato e potrebbe includere risorse di layout specifiche per l'orientamento corrente dello schermo (orizzontale o verticale). Per ulteriori informazioni sulle risorse, consulta Risorse e asset . Le risorse di un'applicazione sono sempre archiviate nelle sottocartelle res/* del progetto.
Servizio
Un oggetto della classe Service che viene eseguito in background (senza alcuna presenza dell'interfaccia utente) per eseguire varie azioni persistenti, come la riproduzione di musica o il monitoraggio dell'attività di rete.

Correlato: attività

URI in Android
Android utilizza stringhe URI (uniform Resource Identifier) ​​come base per richiedere dati in un fornitore di contenuti (come recuperare un elenco di contatti) e per richiedere azioni in un intento (come aprire una pagina Web in un browser). Lo schema e il formato dell'URI sono specializzati in base al tipo di utilizzo e un'applicazione può gestire schemi e stringhe di URI specifici nel modo desiderato. Alcuni schemi URI sono riservati dai componenti di sistema. Ad esempio, le richieste di dati da un fornitore di contenuti devono utilizzare content:// . In un intento, un URI che utilizza uno schema http:// verrà gestito dal browser.

Costruire

adb
Android Debug Bridge, un'applicazione di debug da riga di comando inclusa con l'SDK. Fornisce strumenti per esplorare il dispositivo, copiare strumenti sul dispositivo e inoltrare porte per il debug. Se stai sviluppando in Android Studio, adb è integrato nel tuo ambiente di sviluppo. Per ulteriori informazioni, consulta Android Debug Bridge .
Progetto Android
Un repository Git su un host Android Gerrit. Per ulteriori informazioni, vedere Strumenti di controllo del codice sorgente > Gerrit .
Costruisci l'impronta digitale
L'impronta digitale della build è una stringa unica e leggibile contenente le informazioni del produttore rilasciate per ciascuna build. Per ulteriori informazioni, vedere Informazioni sulle impronte digitali della build .
Ramo Git - canonico
Versioni distinte per ciascun repository Git, come android-11.0.0_r1 , disponibili su cs.android.com/android/platform/superproject/+/android-11.0.0_r1 . Vedi Git Branching - I rami in poche parole per maggiori informazioni.
Ramo Git - locale
Un ramo temporaneo nel client Repo corrente per apportare modifiche al codice, avviato con il repo start branch-name . comando. una linea attiva di sviluppo. Il commit più recente su un ramo viene definito punta di quel ramo.
Deposito Git
A volte indicato come progetto, si tratta di una parte della codebase che rappresenta un particolare componente o tipo di dispositivo, ad esempio frameworks/base o platform/packages/apps/Car/Media .
Fascicolo manifesto
Un file XML che descrive un raggruppamento di repository Git per ramo, le revisioni Git in cui controllare tali repository e il loro layout su un filesystem. Questo file XML, in genere denominato default.xml , è associato a un ramo Repo e descrive i repository Git e i rami Git estratti quando inizializzi e sincronizzi il ramo Repo. Questo file definisce i vari repository Git che lo strumento Repo dovrebbe recuperare nel checkout del client Repo per creare un prodotto (come il sistema operativo Android Automotive). Visualizza tutti i manifest su android.googlesource.com/platform/manifest/+refs . Consulta il manifest predefinito incluso nei file AndroidManifest per inserire i file della piattaforma Android (AOSP) su android.googlesource.com/platform/manifest/+/refs/heads/main/default.xml . Vedi il file AndroidManifest.xml per informazioni sull'app e il formato manifest del repository per lo sviluppo della piattaforma.
Aggiornamento via etere (OTA).
I dispositivi Android sul campo possono ricevere e installare aggiornamenti OTA (over-the-air) al sistema, al software applicativo e alle regole del fuso orario. Vedi Aggiornamenti OTA per ulteriori informazioni.
Ramo di pronti contro termine
Una raccolta di repository Git catturati in un file AndroidManifest che rappresenta una versione (build) della codebase Android, come android11-gsi o aosp-android-games-sdk , scaricata tramite i comandi repo init e repo sync . Consulta la descrizione del file manifest per i collegamenti a tutti i file manifest e utilizza https://cs.android.com/ per cercare le relative build.
uprev
In generale, uprev aggiorna un sottoprogetto costituente di un progetto più ampio a una versione più recente. Un uprev modifica il livello di revisione nella successiva versione incrementata o nell'ultima versione disponibile. Nel caso di un pacchetto HIDL, per mantenere l' estensibilità compatibile con le versioni precedenti a livello di pacchetto , un uprev della versione minore aggiorna il nuovo pacchetto a una versione minore superiore mantenendo lo stesso nome e la stessa versione principale del vecchio pacchetto. Nel caso della configurazione Bootloader , un uprev aggiorna il supporto della versione dell'intestazione di avvio alla versione più recente.

piattaforma

Android Runtime (ART) e Dalvik
Il runtime Android (ART) è il runtime gestito utilizzato dalle applicazioni e da alcuni servizi di sistema su Android. Il runtime Android (ART) è il runtime predefinito per i dispositivi che eseguono Android 5.0 (livello API 21) e versioni successive. ART e il suo predecessore Dalvik sono stati originariamente creati appositamente per il progetto Android Open Source. ART come runtime esegue il formato eseguibile Dalvik e la specifica del bytecode Dex. ART e Dalvik sono runtime compatibili che eseguono il bytecode Dex, quindi le app sviluppate per Dalvik dovrebbero funzionare quando vengono eseguite con ART.
Linea di codice
Una codeline contiene il rilascio di un prodotto software. Consiste in uno o più rami da uno o più repository, spesso tutti in fase di sviluppo attivo contemporaneamente. La codeline è il punto di aggregazione e la destinazione del rilascio. Per ulteriori informazioni sulle codeline, consulta Gestione del software Android .
file .dex
File di codice dell'applicazione Android compilato.

I programmi Android sono compilati in file .dex (Dalvik Executable), che a loro volta vengono compressi in un unico file .apk sul dispositivo. I file .dex possono essere creati traducendo automaticamente le applicazioni compilate scritte nel linguaggio di programmazione Java.